Fabio Capello addio amaro

capello russia addio

Per un vincente come lui dimettersi da allenatore di una squadra come la Russia non deve essere stato semplice: certamente i 10 milioni di buonauscita della federazione di Mosca hanno aiutato l’ex allenatore del Milan ad accettare l’addio ma, un episodio accaduto subito dopo, avrà di certo ferito l’orgoglio di Capello.

L’ex CT per ringrazire giocatori e staff della sua ex squadra aveva prenotato un tavolo per 50 persone in un lussuoso ristorante di Mosca, una sorta di addio per salutare i suoi “ragazzi”: a quanto pare però i suoi ex ragazzi non erano così tristi per il suo addio e, in modo forse decisamente maleducato, hanno deciso di non presentarsi alla cena.

Solamente in quattro hanno omaggiato Capello: Alexander Kokorin, Alexander Kerzhakov, Vasili Berezutski e Alexander Samedov, oltre alla moglie e alcuni membri del suo staff.

Dalle stelle alle stalle: stalle decisamente lussuose visti i 10 milioni di buonuscita che potevano essere 25 milioni come da contratto in caso di esonero ma, don Fabio, ha “patteggiato” una somma più contenuta accontentandosi di una cifra inferiore più della metà dell’importo previsto da contratto.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *